UE – LO STATO DEVE PAGARE MAX ENTRO 60 GIORNI – BENE EMISSIONI BTP SPECIALI

Studiata Soluzione a Bruxelles: Lo Stato potrà pagare i propri debiti con titoli pubblici speciali che rimangono fuori dai vincoli su deficit e debito pubblico.

 Lo Stato sarà fuorilegge se non pagherà i crediti alle aziende fornitrici entro 30 giorni. L’Ue aveva fissato al 16 marzo 2013 la data entro cui i Paesi membri avrebbero dovuto recepire la normativa che obbliga le autorità pubbliche a pagare beni e servizi entro un mese o, in circostanze particolari, entro 60 giorni. Un provvedimento fondamentale per non mettere in crisi innumerevoli aziende fornitrici.

Lo Stato italiano deve pagare oltre 70 MLD di forniture. Secondo la normativa Ue, le aziende creditrici, trascorsi 60 giorni, “hanno automaticamente diritto a chiedere gli interessi per i ritardi di pagamento” a un tasso superiore all’8%. La soluzione studiata da Bruxelles prevede che lo Stato possa pagare i propri debiti con titoli pubblici speciali che rimangono fuori dai vincoli su deficit e debito pubblico.

La commissione ha confermato di essere “pronta a cooperare con le autorità italiane per aiutare l’attuazione tecnica del piano di liquidazione del debito commerciale pregresso”. Una manovra che permetterebbe, secondo il vice presidente della Commissione, Antonio Tajani, di smaltire i debiti della PA italiana in due anni.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...